Come ottenere una smart tv partendo da un televisore normale

Comment

Tecnologia
smart tv

Un televisore tradizionale può essere trasformato in una smart tv grazie all’impiego di specifici dispositivi che sono in grado di connettersi alla rete, di eseguire applicazioni e di ricevere flussi video e audio da servizi online, da computer, da tablet o da smartphone. Per avere le informazioni necessarie dai migliori esperti del settore, ne parliamo con il team di isuggeriti.it, a cui abbiamo rivolto diverse domande che ci aiuteranno a capire quali sono i migliori gadget per avere una casa smart.

Quali dispositivi possiamo utilizzare per ritrovarci con una smart tv in soggiorno?

Nel caso in cui si possieda un tablet o uno smartphone in grado di supportare la tecnologia Miracast non serve far altro che comprare un adattatore che dovrà essere collegato alla prese HDMI del televisore. In questo modo i contenuti audio e video possono essere trasmessi senza problemi, incluso il mirroring dello schermo. Soluzioni di questo tipo non sono troppo dispendiose dal punto di vista economico, ma è sempre opportuno tenersi alla larga dalle soluzioni con prezzi troppo bassi, in quanto il rischio che si corre è quello di avere a che fare con prestazioni pessime.

Ci sono alternative tra cui scegliere?

Naturalmente sì: per esempio il dongle HDMI di Chromecast. Si tratta di una specie di chiavetta che deve essere collegata con la porta HDMI del televisore, grazie a cui è possibile ricevere i contenuti da Netflix, da Spotify o da Youtube (insomma, in streaming da Internet). Inoltre si può eseguire il mirroring dello schermo sia da computer che da dispositivi mobili, tablet o smartphone che siano. Il rapporto qualità prezzo non ha rivali. Una valida alternativa, poi, è rappresentata dal Tv Box Android: è un computer di dimensioni minuscole con sistema operativo Android. Il suo aspetto può essere quello di una chiavetta o di una scatola piccola: si collega al televisore e poi si gestiscono le varie operazioni con la tastiera, con il mouse o con il telecomando che di solito è compreso nella confezione di vendita.

Immaginiamo di voler puntare su Chromecast: come facciamo a trovare il modello che fa per noi?

Basta conoscere le caratteristiche di base delle varie proposte. Chromecast audio, per esempio, è dedicato unicamente agli impianti audio, e quindi non va bene per i televisori. Si deve scegliere, pertanto, tra Chromecast Ultra e Chromecast: quest’ultimo consente di visualizzare video fino a 1080p di risoluzione e ha un costo di 39 euro; Ultra, invece, è in grado di supportare tanto l’HDR quanto la risoluzione 4K.

Ma come si usa il Chromecast?

Niente di troppo complicato: il dispositivo deve essere collegato a una porta HDMI e alla presa della corrente. Nel caso in cui si adoperi il modello base del dongle basta connettere il Chromecast a una porta Usb. Quindi si deve scaricare l’applicazione che permette di configurare il dispositivo, per poi seguire le indicazioni che vengono riportate sullo schermo. A questo punto i contenuti in streaming possono già essere fruiti, sia che provengano dai dispositivi che sono connessi alla stessa rete wifi, sia che provengano dalla rete locale o dal web. La tecnologia wireless utilizzata è Google Cast, che è compatibile anche con gli iPhone e con gli iPad.

Esistono ulteriori soluzioni a cui ci si possa affidare per usufruire di un televisore smart?

Now Tv Box è una di queste: a distribuirlo è Sky Italia, e si tratta di un piccolo set-top box tramite il quale si ha l’opportunità di accedere a Sky Online, che è un servizio di video on demand, e ad altri servizi online famosi, come per esempio Vevo o Spotify. Naturalmente questo tipo di soluzione è consigliato unicamente a chi ha intenzione di abbonarsi a Sky Online. Anche i fan della Apple, comunque, possono vedere soddisfatte le proprie esigenze grazie a un piccolo media center, denominato Apple Tv, con i quale possono essere visualizzati in streaming contenuti provenienti dalla rete locale o da Internet. Non solo: Apple Tv permette anche di eseguire giochi e applicazioni e il mirroring dello schermo, ma solo da altri device del marchio.

Quali sono le proposte migliori sul mercato che meritano di essere prese in considerazione?

Una di queste si chiama Raspberry Pi: si tratta di un computer con una singola scheda elettronica sulla quale sono implementati i componenti. Esso comprende un processore ARM, uno slot per le microSD e porte Ethernet e Usb. A partire dal modello 3 è garantito il supporto Bluetooth e wifi, mentre per gli altri basta ricorrere ad adattatori ad hoc. Il prezzo e la personalizzazione sono i tratti peculiari di questo dispositivo, che può essere modificato a seconda delle necessità.

Cosa si può fare con i lettori Blu Ray?

Sul mercato non è raro trovare lettori Blu Ray smart, vale a dire in grado di riprodurre contenuti in streaming dopo essersi connessi a Internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *