Bere il caffè in Italia, come prepararlo in modo sano

Comment

Salute

Gli italiani non possono fare a meno della tazzina di caffè Espresso la mattina, ma ogni Regione ha le sue preparazioni e bar e i clienti stessi hanno trovato ricette e modi salutari per bere un caffè italiano.

Si sa che il buon caffè italiano è diventato un must in tutto il mondo, anche perché recenti ricerche hanno dimostrato che la classica bevanda italica mattutina non provoca effetti collaterali o danni a lungo termine, come specificato da analisi del passato.

Caffè italiano, sano e buono

Agli italiani non si deve togliere il caffè alla mattina, ma neanche durante le pause dal lavoro o di metà pomeriggio. Il suo gusto e le sue proprietà sono note da secoli, mentre non è molto nota la diffusione di questa bevanda aromatica nel Belpaese. Infatti, nelle Regioni d’Italia non si beve il caffè alla stessa maniera, ma in ognuna di esse, è sempre una delizia data dalla tradizione relativa alla diffusione di questa bevanda in Italia. Come viene preparata nelle diverse città?

Bere il caffè nelle Regioni italiane

Il caffè in Veneto, specialmente a Padova, è arrivato nell’800. Qui, nasce la tazzina patavina, un espresso con panna, latte, cacao e un po’ di sciroppo di menta. Nel Friuli Venezia Giulia, specialmente a Trieste, il caffè si gusta nella maniera viennese. La dominazione austro-ungarica ha influenzato torrefazioni e abitudini, tanto che se si ordina un nero, non si intende il caffè, bensì un calice di rosso.

Il caffè in Piemonte significa Bicerin, caffè con cioccolata e panna liquida servito in un bicchiere di vetro: un modo artistico per ammirare i tre strati ben distinti. Ovviamente, va mescolato prima di berlo.  La Valle d’Aosta propone la grolla, ovvero la tipica coppetta di legno in cui viene servito il caffè con zucchero, chiodi di garofano, cannella e ginepro, insomma, un caffè super speziato. Nelle Marche, il caffè è digestivo: il caffè di Fano viene servito bollente corretto con anice, zucchero e rum riscaldati con una scorza di limone. Risale all’800, quando i pescatori lo bevevano prima di andare in mare.

Il caffè napoletano è il caffè per antonomasia. Il più famoso e buono del mondo: cremoso, ristretto e con un aroma corposo che fa da base allo schiumato o quello aromatizzato alla nocciola. In Puglia si è pensato di proporre la bevanda in versione fresca, viste le temperature torride estive. Il caffè pugliese o leccese dagli Anni 50 si prepara in bicchiere di vetro con ghiaccio e latte di mandorle. Infine, quello più energizzante, ovvero il caffè calabrese: nella tazzina si aggiunge brandy e liquirizia pestata.

Caffè salutari da bere la mattina

Prima di affrontare una giornata faticosa, ci vuole una sferzata di energia: che sia un Espresso o un macchiato, l’importante è svegliarsi grazie al profumo. Come esistono diversi modi di berlo esistono dei trucchi per trarre tutte le proprietà salutari con abbinamenti studiati ad hoc.

Il caffè con cannella, grazie a questa spezia, mantiene costanti i livelli di zucchero nel sangue e un buon equilibrio dell’insulina. Bere il caffè con cannella quindi aiuta a tenere sotto controllo la glicemia e il livello di grasso corporeo. Per prepararlo si aggiunge un cucchiaino di polvere di cannella nel filtro della moka e insieme alla polvere di caffè, zuccherandolo o dolcificandolo con il miele.

Il caffè con la menta può sembrare bizzarro, ma è ottimo per chi soffre di mal di testa. Idrata, rinfresca e aiuta a fare il pieno di antiossidanti, ideale per la prima colazione. Si prepara la bevanda in maniera tradizionale e, a parte, si prepara un bicchiere di acqua tiepida nel quale sciogliere l’essenza di menta. Aggiungere, nell’ordine, una tazza di caffè, qualche goccia di succo di limone e il dolcificante, mescolando bene. La preparazione è ottima con un cubetto di ghiaccio.

Per chi teme che troppo caffè nero faccia male, l’alternativa è il caffè verde. Esso ha acido cloro genico, il quale, permette di curare le infiammazioni ed è ideale per perdere peso e depurare l’organismo. Si prepara facilmente, aggiungendo 175 ml di acqua calda a 15 gr di caffè verde, lasciandolo in infusione 15 minuti.

Sarà una manna per l’organismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *