• Etichette di sicurezza: cosa sono e a cosa servono

    Le etichette di sicurezza sono uno strumento molto efficace e diffuso oggi per evitare che una busta e un pacco vengano manomessi. Esse infatti sono delle vere e proprie applicazioni di garanzia e sicurezza, pertanto a seconda della loro utilità ne esistono di diverse specie o tipologie atte ad adeguarsi alle necessità di chi le utilizza, per soddisfare il settore applicativo di riferimento. Ogni modello di etichetta, per quanto differente, si accomuna ad altre specie antimanomissione in base ad una semplice caratteristica: ovvero che la loro rimozione, o più semplicemente il tentativo, può essere facilmente rilevato. E infatti non solo è facilmente palese se l’etichetta viene toccata in qualche modo, ma la loro rimozione definitiva può avvenire soltanto se viene tagliata, distrutta in tanti pezzi, o lasciando al di sotto un adesivo indelebile con una scritta o trama al tentativo di rimozione. CONTINUA

    Published by:
  • Comprare casa, chi confronta mutui vince sempre

    Accendere un mutuo è una delle decisioni più importanti che potresti prendere nel corso della tua vita: avrai a che fare con molte spese, che non sono unicamente quelle correlate alle rate che dovrai pagare ogni mese o agli interessi. Dovrai tenere conto anche di altre uscite: se temi di non riuscire a individuare una forma di finanziamento in linea con le tue esigenze, confronta mutui online per avere la certezza di vedere esauditi i tuoi desideri. Tieni presente che un mutuo può essere richiesto non solo per comprare casa, ma anche – per esempio – per avviare un’attività imprenditoriale o per ristrutturare un locale commerciale. CONTINUA

    Published by:
  • La ripresa del mercato immobiliare: le prospettive future

    Il rischio spread è davvero in grado di mettere in crisi chi si appresta a comprare casa e, quindi, ad accendere un mutuo? Il dibattito tra Laura Castelli e Pier Carlo Padoan ha scatenato gli esperti del settore che hanno spiegato se e in che modo l’aumento del differenziale tra i bund tedeschi e i btp italiani può condizionare i tassi di interesse che saranno applicati ai mutui nei prossimi mesi. Quel che è certo, per il momento, è che le compravendite di immobili sono in crescita, mentre i prezzi sono in calo. I dati che provengono dall’indagine semestrale del Notariato riguardano le vendite che sono state portate a termine tra il mese di gennaio e il mese di giugno di quest’anno: come detto, essi dimostrano l’incremento delle compravendite delle case, ma anche l’aumento della cifra che gli istituti hanno messo a disposizione per i mutui. CONTINUA

    Published by:
  • Vendere casa: conviene ristrutturare prima?

    Può capitare di ritrovarsi con una casa di proprietà e di volerla vendere: magari è una vecchia casa ricevuta in eredità e che, malridotta e in cattive condizioni, potrebbe non incontrare i gusti di potenziali acquirenti. Allora è conveniente proporla sul mercato così come è oppure spendere in ristrutturazioni per rimetterla a nuovo e renderla più accattivante? Qualunque sia la risposta, oggi è a disposizione uno strumento utile per chi vuole vendere o acquistare un immobile: si tratta di Immobili Ovunque. CONTINUA

    Published by:
  • Autorizzazione integrata ambientale: tutto quello che c’è da sapere

    L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) è un documento autorizzativo sfruttato dalle aziende per il rispetto dei dettami comunitari, utili alla riduzione dell’inquinamento. Stando alle norme vigenti, queste aziende devono uniformarsi alla direttiva UE 2008/1/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 gennaio 2008, così come poi modificato dal decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128. CONTINUA

    Published by:
  • Quanto contano realmente gli abiti da lavoro

    Quando intraprendiamo la strada lavorativa, ci aspettiamo, come prima cosa, di riuscire a contribuire nel dare un determinato tipo di immagine all’azienda. In particolare per settori specifici, occorre differenziarsi con altre persone, al fine di far capire il nostro ruolo all’interno del team. Se l’aspetto esteriore diventa dunque un biglietto da visita sia per noi che per l’azienda in cui lavoriamo, allora vuol dire che, se la legge lo prevede, e se il caso lo richiede, in quel contesto dovremo fieramente indossare gli abiti da lavoro. CONTINUA

    Published by: