Vendere casa: conviene ristrutturare prima?

Comment

Casa

Può capitare di ritrovarsi con una casa di proprietà e di volerla vendere: magari è una vecchia casa ricevuta in eredità e che, malridotta e in cattive condizioni, potrebbe non incontrare i gusti di potenziali acquirenti. Allora è conveniente proporla sul mercato così come è oppure spendere in ristrutturazioni per rimetterla a nuovo e renderla più accattivante? Qualunque sia la risposta, oggi è a disposizione uno strumento utile per chi vuole vendere o acquistare un immobile: si tratta di Immobili Ovunque.

Perché ristrutturare la casa prima di metterla in vendita?

Immobili Ovunque è un portale di annunci immobiliari, per cercare case in vendita o in affitto o per inserire il proprio immobile nel database che il sito mette a disposizione. È possibile effettuare una ricerca per area e zona di interesse, specificando la tipologia di immobile e se siamo alla ricerca di un edificio in affitto o in vendita.

In tutti i casi, è opportuno essere a conoscenza delle tante possibilità che abbiamo, se decidiamo di vendere una casa. La ristrutturazione è un elemento da considerare. Ristrutturare un immobile, svecchiarlo, renderlo al passo con i tempi e dargli un’aria nuova è sicuramente la scelta che farà in modo che la casa trovi degli acquirenti più velocemente. Infatti, i potenziali acquirenti che visiteranno la casa saranno più attratti se questa è nuova e ben tenuta: ciò faciliterà le trattative e la conclusione della vendita.

Per loro sarà un incentivo acquistare una casa per la quale non dovranno spendere ulteriori soldi di restauro piuttosto che acquistarne una vecchia e che sia da rimettere in piedi ex novo. Infatti l’ammontare per le spese di restauro e di rimessa a nuovo dell’immobile non è immediatamente quantificabile e proprio questo potrebbe far scappare a gambe levate i potenziali compratori.

Inoltre, una casa nuova potrà ovviamente essere venduta ad un prezzo maggiore rispetto ad una vecchia: le pretese non potranno essere così elevate se si sta proponendo in vendita una casa in uno stato non propriamente ottimale.

Cosa valutare prima di ristrutturare una casa da vendere

La prima cosa da considerare è il target di clienti a cui ci si rivolge. È vero che una casa ristrutturata e nuova attira più clienti, ma bisogna valutare anche la posizione della casa e quindi il quartiere: se la zona in cui si trova, nell’immaginario del cliente, è “malfamata” o non sicura, a poco servirà ristrutturarla e renderla lussuosa perché, in genere, il cliente bada molto al posto in cui si trova prima di acquistarla.

Soltanto dopo aver fatto queste considerazioni, sarà possibile procedere ai lavori di ristrutturazione idonei a renderla appetibile per quel dato target di clienti.

Bisogna poi attenersi alle questioni burocratiche e legislative, cioè la documentazione per poter iniziare i lavori di ristrutturazione:

  • la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.)
  • la Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (C.I.L.A.)

Potrebbero essere necessari anche altri documenti in base al Comune o alla Regione in cui si trova l’immobile da ristrutturare, dunque è bene informarsi prima di partire.

Solo dopo aver consegnato la documentazione necessaria, si può decidere di ristrutturare la casa da soli, se si è in grado di farlo, o di affidare i lavori a professionisti (architetti, geometri, ditte edili).

Come mettere a nuovo la casa (prima di venderla) senza sostenere enormi spese

Si può rendere appetibile e più attraente una casa per i potenziali acquirenti anche senza dover sostenere ingenti spese di ristrutturazione, semplicemente prendendo dei piccoli provvedimenti mirati a svecchiare l’ambiente o il mobilio. Infatti i clienti badano soprattutto ad elementi come la pavimentazione, le pareti, i servizi igienici o la cucina.

Quindi, si può partire proprio dalla sostituzione, ad esempio, di servizi igienici un po’ datati o rotti o dal cambiare la vasca in doccia (che è sempre più apprezzata ed inoltre occupa meno spazio rendendo anche un bagno piccolo immediatamente più grande). O ancora si può dare una bella tinteggiatura alle pareti per renderle più fresche e belle da vedere, magari con un nuovo colore che dia più luce all’ambiente.

In particolare, se sono presenti muffe o crepe sui muri, si può provvedere a ripararle e ad utilizzare prodotti appositi per risolvere questi problemi, senza spendere troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *